Regione Lombardia

Emergenza coronavirus - aggiornamenti del Sindaco

Pubblicato il 17 ottobre 2020 • Comune , Comunicati Stampa , Emergenza

Rieccoci per un aggiornamento dati forniti da ATS nel momento in è stata emanata una nuova Ordinanza regionale  restrittiva ed in parallelo al DPCM emesso  nei giorni scorsi a fronte di una rapida crescita esponenziale del contagio epidemico covid-19.

Ad oggi 17.10.2020 i casi dei contagi nella nostra città sono lievitati a n. 35  ed in brevissimo tempo (erano 18 il giorno  11.10 ). Si tratta di cittadini residenti e  al proprio domicilio – Non ci sono casi di soggetti ospedalizzati. Non si registrano decessi di residenti in questi giorni  per questa patologia. E questo  dato finale è il maggiore conforto per tutti.

In breve riassumiamo le misure  anti-movida contenute nella nuova Ordinanza di Regione Lombardia nr.620 del 16.10.2020 valida fino al 6 novembre 2020 :

Le attività di ristoranti, pizzerie, trattorie e altre attività simili sono consentite sino alle ore 24.00; tale misura non si applica agli esercizi situati lungo le autostrade e nelle aerostazioni;

Le attività di bar, pub, birrerie e altre attività di somministrazione di alimenti e bevande simili sono consentite sino alle ore 24.00; in tali attività è consentito dopo le ore 18.00 il consumo di alimenti e bevande esclusivamente ai tavoli; la misura di cui al presente punto non si applica agli esercizi situati lungo le autostrade e nelle aereostazioni.

E’ vietata la vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica da parte di tutte le tipologie di esercizi pubblici, nonché da parte degli esercizi commerciali e delle attività artigianali dalle ore 18.00.

Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio;

Sono chiusi dalle 18.00 alle 6.00 i distributori automatici cosiddetti “h24” che distribuiscono bevande e alimenti confezionati, con affaccio sulla pubblica via;.

E’ vietata dalle 18.00 alle 6.00 la consumazione di alimenti e bevande su aree pubbliche;.

E’ sempre vietato il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico.

Misure di contrasto a fenomeni sociali a rischio di contagio:

Sono sospese le attività delle sale giochi, sale scommesse e sale bingo; E’ sospeso il gioco operato con dispositivi elettronici del tipo 'slot machines, comunque denominati, situati all’interno degli esercizi pubblici, degli esercizi commerciali e di rivendita di monopoli..

Sospensione degli sport di contatto dilettantistici a livello regionale e locale

Sono sospese tutte le gare, le competizioni e le altre attività, anche di allenamento, degli sport di contatto, come individuati con provvedimento del Ministro dello Sport del 13 ottobre 2020, svolti a livello regionale o locale ‒ sia agonistico che di base ‒ dalle associazioni e società dilettantistiche..

Le scuole secondarie di secondo grado e le istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado organizzano le attività didattiche con modalità a distanza alternate ad attività in presenza, ad eccezione delle attività di laboratorio.

Alle Università, nel rispetto della specifica autonomia, è raccomandato di organizzare le proprie attività, al fine di promuovere il più possibile la didattica a distanza.

ATTENZIONE

Mi permetto inoltre di rammentare  che occorre seguire le prescrizioni già in essere da tempo:

Utilizzo delle mascherine - distanziamento sociale - lavarsi le mani - evitare qualsiasi forma di assembramento.

Ci sono ancora troppi melzesi che disattendono queste norme.

Pur affidandomi al vostro  senso di responsabilità comunico che a seguito dell’intervento fermo dell’organo prefettizio e della questura milanese  le forze dell’ordine restano impegnate ad effettuare controlli in città  a tutti i livelli per sanzionare chi non rispetta le ordinanze.

Il richiamo è forte perché non possiamo permettere che per colpa di alcuni  “ irresponsabili  “ si rischia di tornare in un periodo di lockdown. 

A costo di ripetermi e fino allo sfinimento, raccomando massima diligenza nel rispetto delle norme che anche se di “ forte impatto  anche emotivo “  sono la medicina giusta in questi momenti per distanziarci da questa maledetta pandemia.

Grazie per l’attenzione e un caro saluto a tutti.
Antonio Fusè